Alternanza scuola-lavoro: l’Inail fornisce chiarimenti sull’assicurazione degli studenti

Assicurazione degli studenti

Il Miur ha pubblicato la circolare n.44 con la quale l’INAIL ha fornito chiarimenti sulla copertura assicurativa degli studenti impegnati in attività di alternanza scuola-lavoro.

L’Inail precisa innanzitutto che gli studenti delle scuole o istituti di istruzione di qualsiasi ordine e grado, anche privati, comprese le Università, sono assicurati obbligatoriamente presso l’Inail contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, esclusivamente per gli infortuni che accadono nel corso delle suddette attività, in quanto la loro assicurazione, a differenza di quella propria dei lavoratori dipendenti e retribuiti, è limitata allo specifico rischio per il quale sono assicurati.

In particolare, gli studenti sono assicurati soltanto se svolgono esperienze tecnico – scientifiche, esercitazioni pratiche e di lavoro; attività di educazione fisica nella scuola secondaria; attività di scienze motorie e sportive, nonché attività di alfabetizzazione informatica e di apprendimento di lingue straniere con l’ausilio di laboratori nella scuola primaria e secondaria; viaggi di integrazione della preparazione di indirizzo.

Sono coperti da assicurazione gli infortuni in itinere occorsi nel tragitto scuola-sede di attività dell’alternanza, ma non quelli dall’abitazione alla scuola.

L’Inail precisa la modalità dell’indennizzabilità degli eventi occorsi agli studenti impegnati in attività di alternanza scuola-lavoro, distinguendo tra eventi verificatisi nell’ambito scolastico vero e proprio ed eventi occorsi durante i periodi di apprendimento mediante esperienze di lavoro nel corso dello svolgimento delle specifiche attività previste dal progetto di alternanza scuola-lavoro.

Inoltre l’istituto ha precisato che tutti gli infortuni occorsi in “ambiente di lavoro, sono indennizzabili, chiarendo che per “ambiente di lavoro” si intende non solo lo stabilimento aziendale, bensì anche un eventuale cantiere all’aperto o un luogo pubblico, purché in essi si svolga un progetto di alternanza scuola-lavoro e l’attività ivi svolta.

Infine, l’Inail ha chiarito i termini delle prestazioni nei confronti degli studenti in alternanza, tra cui:

  • prestazioni economiche: indennizzo del danno biologico in capitale per menomazioni integrità psicofisica pari o superiori al 6% e rendita per menomazioni di grado superiore al 16%;
  • assegno per l’assistenza personale continuativa; integrazione della rendita; rimborso spese per farmaci e rimborso viaggio e soggiorno per cure termali e soggiorni climatici;
  • prestazioni sanitarie: prime cure ambulatoriali e accertamenti medico-legali;
  • prestazioni protesiche con fornitura di protesi, ortesi e ausili;
  • prestazioni riabilitative.

Compete al dirigente scolastico presentare denuncia di infortunio all’Inail.

Se a vincere si è in tre: i ragazzi, il terzo settore, la società
Poletti, l'alternanza integra il curriculum

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *